Mobile Marketing, una URL per il tuo SEO mobile

Esistono diversi approcci nel mondo di internet alla questione “internet mobile”, ovvero alla presenza che le aziende dovrebbero avere anche nel web destinato ai device mobili (smartphone e parzialmente tablet).

Una recente indagine ha rivelato che il 16% delle visualizzazioni nelle ricerche a pagamento, nel mese di Gennaio 2012, è stato determinato da utenti mobile (negli USA). Siamo di fronte a un mercato in espansione che nessuna azienda può permettersi di perdere. Ecco quindi un primo approccio a come determinare la propria presenza mobile nel web.

Una buona parte di aziende, soprattutto italiane, ha preferito creare il sotto dominio m.nomebrand.tld o mobile.nomebrand.tld. Versione mobile di Repubblica.itNe sono esempio il sito mobile del Corriere della Sera (mobile.corriere.it) e quello della Repubblica (m.repubblica.it).

Altri hanno preferito registrare un dominio .mobi per rendere disponibili i propri contenuti a tutti i device “mobile” (www.tiscali.mobi).

Altri ancora hanno reso semplicemente accessibile il contenuto del proprio sito ai device mobile mantenendo quindi le stesse url del sito pensato per l’accesso da PC (o Desktop).

 

Sebbene Google non si fosse mai pronunciata a favore di una soluzione piuttosto che un’altra, sembra oggi emergere la tendenza a mantenere le URL offrendo esperienze diverse a seconda con quale device ci si colleghi alla singola pagina web.

Bing a proposito si è già pronunciato (il 7 marzo 2012) a favore di quest’ultima soluzione (rif. http://www.bing.com/community/site_blogs/b/webmaster/archive/2012/03/07/building-websites-optimized-for-all-platforms-desktop-mobile-etc.aspx).

I benefici per Bing saranno:

1- Un valore di ranking maggiore per la singola URL del sito.

2 – Meno traffico determinato dagl spider (meno consumo di banda)-

3 – Meno lavoro per aggiornare e modificare il proprio sito internet.

 

Anche Google inizia ora a pronunciarsi a favore di quest’ultima soluzione, suggerendo di inserire il meta tag canonical che rediriga verso la versione “Desktop” del sito nel caso in cui si abbia un sito mobile diverso (http://groups.google.com/a/googleproductforums.com/forum/m/#!topic/webmasters/tvObwpQaokY).

Rimane comunque sempre di attualità la guida Webmaster di Google per rendere i siti mobile più amichevoli/usabili (http://googlewebmastercentral.blogspot.it/2011/02/making-websites-mobile-friendly.html).

I benefici del sito unico e url unica sono comunque evidenti.

–        Maggiore valore al sito dell’azienda.

–        Una migliore link equity dal momento che le Url in ambito mobile non potranno mai avere la stessa equa distribuzione del sito pensato per Destkop.
David Sottimano a Be-Wizard
Nella seconda giornata del Be-Wizard di Rimini, lo stesso David Sottimano (@dsottimano) ha sottolineato come l’opzione di mantenere un’unica URL per ogni tipologia di accesso al sito sia la migliore.

Segmentando le visite provenienti da supporti mobile (limitandoci a considerare come “mobile” gli accessi provenienti da device con risoluzione inferiore a 700 pixel di larghezza dello schermo) potremo andare a studiare le preferenze della nostra utenza “mobile”, andando poi a intervenire nella generazione di un primo menù che offra all’utenza mobile i link ai contenuti cui la stessa utenza ha mostrato avere più interesse.
E’ questo un approccio che garantirà il successo della nostra presenza nell’ambito mobile.

Nei prossimi post vedremo come rendere ancora più efficace la nostra presenza mobile.