Moda, fashion e social network.

Fashion is social è la tesi di questo post (Moda, fashion e social network). 

Basta contare il numero di followers che alcuni brand della moda hanno sui più popolari social network per rendersi conto di come i brand legati al mondo fashion, stiano investendo nell’ambito social.

Nell’elenco dei brand presi in analisi abbiamo considerato anche due personaggi: 

Loren Ridinger, famosa milionaria americana che deve il suo successo al web e alla vendita online nel settore fashion e bellezza.

Kim Kardashian, artista, donna d’affari di origini armene e creatrice di un brand che opera nella moda e che porta il suo cognome (Kardashian Kollection).

Entrambe queste due donne sono oggi un punto di riferimento per la moda, e sono regine dei social network.

Brand

Facebook fans

Twitter Followers

Youtube Subscribers

Pinterest Followers

Google Plus
Followers

Instagram
Followers

Victoria’s Secret

20071468

1321121

110993

36744

4607

721575

Zara

155531

110762

6595

9077

0

19126

H&M

629095

1591607

24247

0

1914188

279816

Burberry

14109325

1324055

45494

16257

1748753

561200

Lacoste

10563052

363245

2441

1297376

2092

18873

DC Shoes

9708697

155800

288620

208

2118

61032

Louis Vuitton

159973

13009

21942

5975

138

55530

Christian Louboutin

1434180

466331

0

288

593929

0

Dolce & Gabbana

5955976

462152

23090

4925

593929

2217

Levi’s

15190823

84461

3876

0

453250

4792

Forever 21

87769

817640

14388

27596

352513

476612

Gucci

9479853

514386

5126

3887

1641207

221591

Dior

9909171

1357872

28845

10135

77755

0

Kim Kardashian

11202341

46747

46747

15823

1792

4991387

Loren Ridinger

89166

297439

725

2754

169

51140

Dalla tabella si deduce facilmente di come alcuni brand siano ancora indietro rispetto agli altri. Diversi brand non sono ancora presenti su Instagram, qualcuno su Pinterest, ecc..

moda, fashion e social network

Ordinando i dati per numero di “fans” rispetto ad ogni singolo social network, possiamo notare come tre brands siano molto all’avanguardia: Victoria’s Secret, Burberry e H&M.

Se la tua azienda ha a che fare con la moda, oppure semplicemente ti occupi di moda (hai un blog dedicato), i social network possono essere un valido strumento per aumentare la tua popolarità.

Aggiornarsi in continuazione è la premessa per operare bene sui social. Tra i numerosi blog da poter seguire, segnaliamo Sfilate Fashion Avenure (http://www.sfilate.it), blog con notizie puntuali su tutte le nuove collezioni dei principali brand della moda. Particolarmente significativa è la sezione moda donna.

Tornando però sui social network, quelli classici e dove è necessario esserci, sono sicuramente Facebook, Twitter, Youtube e Google Plus. Esistono poi social network “minori” che sembrano veicolare meglio il discorso visivo, social network che sembrano favorire particolarmente chi si occupa di fashion e moda ed in generale di tutte quelle attività legate alle immagini.

Pinterest pinterest.com/

Pinterest

Pinterest

Parliamo prima di tutto di Pinterest. Il social network lanciato al pubblico nel 2010 e che in due anni ha raggiunto un’utenza di quasi 13 milioni di utenti nel mondo. Pinterest si presta moltissimo a generare traffico e a fidelizzare la clientela di qualsiasi brand. Se hai un sito con immagini fashion, basterà inserire il famoso “pin button” per iniziare a vedere le condivisioni di chi naviga il tuo sito. 

Per verificare cosa sia stato condiviso, basterà digitare http://pinterest.com/source/ aggiungendo in coda il nome del proprio dominio. Pinterest ci fornirà le immagini condivisione da quella fonte.

Senza dubbio è necessario creare un proprio account personale ed eventualmente quello del proprio brand, poi è necessario iniziare a stimolare la propria audience: partecipare in rete commentando i pins relativi al proprio brand, seguire gli utenti che più fanno “pin” ad argomenti di nostro interesse …

Uno strumento molto utile per capire il valore dei propri PIN, è Reachili (ex Pinterly) http://www.reachli.com Si tratta di un vero e proprio strumento di analytics legato a Pinterest, con la possibilità di monitorare ogni pin effettuato. Con Reachili saprai quanti click, like e repin ottiene ogni tuo post, potrai capire quali parole ti fanno convertire in maggiori visite al tuo sito, quali immagini si prestano di più a essere “repinnate”.

Una strategia che può essere adottata in fase di crescita del proprio account è quella di creare boards condivise. Si crea una board e si invitano più utenti (di solito quelli che sono molto popolari nell’argomento trattato dalla board) ed il risultato di solito è l’aumento di visibilità della board e quindi del nostro account, che amministra la board.

Instagram http://instagram.com/

InstagramQuesto social network deve la propria popolarità unicamente ai dispositivi mobile: iPhone, iPad e iPod e solo di recente Android. Il segreto di questo social network, legato alla condivisione di immagini, stà nel saper taggare i propri post.

Attraverso la ricerca dei tag, è possibile accedere alle immagini che riguardano un determinato argomento.

Quindi, più tag (coerenti) vengono aggiunti al post della propria immagine, maggiori saranno le possibilità di essere visibili nella ricerca di Instagram. L’altro consiglio è quello di ingaggiare (engage) la comunità di Instagram, cercare persone interessate alle nostre immagini e seguirle. In molti casi, chi seguite vi seguirà.

Uno strumento fondamentale di Instagram è quello dedicato al controllo dei propri followers: mai seguire troppi utenti che non ci seguono a loro volta. Il migliore strumento per tale controllo è Instunfollow http://instunfollow.com/

Ancora, sebbene Instagram sia arrivato da poco al web, esistono diverse piattaforme che amplificano il segnale. Eccone alcune:

Gramfeed http://www.gramfeed.com/
Statigram http://statigr.am/
Webstagram http://web.stagram.com/
Pinstagram http://www.pinstagram.co/
Followgram http://followgram.me/
GetMeRated http://www.getmerated.com

Infine altro discorso interessante di Instagram è la possibilità di amplificare il proprio post, postandolo su diversi social: Twitter, Facebook, Tumblr, Flickr e Foursquare.

Lyst http://www.lyst.com/

LystLyst è un bellissimo social network. Vede la partecipazione di tutti i principali brand della moda e rappresenta bene il concetto di “social ecommerce”, è infatti un social network ma anche una piattaforma per gli acquisti.

La piattaforma è complessa. Come in altri social, ci sono i followers (coloro che ci seguono) e i following (coloro che seguiamo), ma Lyst permette molte altre cose: collegare il proprio blog al nostro profilo, collegare il proprio account di Pinterest, generare proprie collezioni, creare proprie liste dei desideri e poi promette di pagarti per le vendite prodotte e i potenziali clienti portati.

Allo stato attuale Lyst consente la condivisione dei propri gusti, liste dei desideri, collezioni sia su Facebook che su Twitter.

 

 

 
Shopcade http://www.shopcade.com/

ShopcadeSe avete un’azienda che produce capi di abbigliamento, potreste tentare di essere inclusi in Shopcade e vendere i vostri capi attraverso questo social network. Si tratta sempre di un social network e social ecommerce (come Lyst) con un alto grado di “gamification”.

Ogni volta che si compie un’azione in Shopcade si ottengono punti.

I punti possono poi essere convertiti in oggetti virtuali (abbellire il proprio robot Shopcade) o buoni sconto. Anche qui abbiamo followers e following.

Pose http://pose.com/

PosePose è senza dubbio un social network dedicato alla moda, al vestire. E’ la sorella minore di Pinterest ma con più esperienza sul mobile.

L’applicazione di Pose sul mobile gli ha permesso di godere di una certa popolarità, fino a che Pinterest non è riuscito a lanciare le proprie app.

Il target è molto giovane. Se il vostro target è giovane potrebbe essere un buon social network in cui impegnarsi.

 

 

 
Fancy http://www.thefancy.com/

FancyE’ un social network dedicato alle immagini e dove l’abbigliamento ha una preponderanza notevole.

Anche qui esistono i “seguiti” ed i “seguono” .. si perchè in questo caso il social network parla anche italiano.

Si possono seguire le liste (argomenti specifici), si possono postare immagini chiedendo alla propria rete di contatti di confermare che quella immagine postata è “fancy”.

A seconda della popolarità raggiunta nel network si ha un punteggio “rank”. Anche in questo caso c’è un incipiente social ecommerce.

 Thumb http://thumb.it/

Thumb è al momento una applicazione per dispositivi mobile Apple e Android. Il social network consiste nel dare il proprio giudizio ad una immagine attraverso un pollice su o un pollice giù.

 Poshmark http://poshmark.com/

Poshmark è un social network dedicato alla moda, attualmente disponibile solo per dispositivi mobile Apple. L’idea di questo social è che ognuno possa vendere i propri abiti, quindi vi si trovano prezzi contenuti e possibilità di navigare attraverso migliaia di “oggetti”.