redirect 301, dare valore ai contenuti web nel tempo

Questo tutorial è legato al redirect 301 (moved permanently o redirect permanente) e vuole illustrare i diversi mezzi a disposizione per mantenere il valore di un contenuto web che, nel corso della sua storia, può cambiare posizione (“indirizzo”) più volte.

redirect 301, un modo intelligente di fare SEO

redirect 301, un modo intelligente di fare SEO

Il reindirizzamento degli URL (Uniform Resource Locator) delle pagine si rende particolarmente indispensabile quando si migra il proprio sito da un dominio all’altro, quando si passa da un CMS ad un altro e ancora quando viene fatto il restyle di un sito e gli URL delle pagine possono cambiare.

Quando, durante una navigazione, richiediamo una risorsa che il server non trova, quest’ultimo restituisce al nostro browser l’errore 404 (Not Found).

L’aumento di errori 404 incide negativamente nella reputation del dominio e quindi incide negativamente nel posizionamento del sito.

Dal lato dell’utente cercare una risorsa web e vedere una pagina che ci dice “risorsa non trovata” è cosa davvero fastidiosa.

Ancora, una pagina nuova ha una “Page Authority” pari a zero. Spostando un contenuto web da una pagina esistente ad una nuova, il rischio sarebbe quello di ripartire da zero.

Ecco quindi che il permanent redirect (301) garantisce che il “juice”, ovvero il valore della pagina, venga passato in modo quasi totale, dal vecchio al nuovo indirizzo.

Lo stesso Google sottolinea l’importanza delle modifica degli URL delle pagine con reindirizzamenti 301 nella Guida della Search Console:

https://support.google.com/webmasters/answer/93633?hl=it

Con il seguente video approfondimento di Matt Cutts.

Per le ragioni sopra esposte è indispensabile settare dei reindirizzamenti delle pagine ogni volta che un contenuto web viene riallocato in altra posizione, ovvero passato ad un nuovo URL.

Richiamando il vecchio URL bisognerebbe essere sempre reindirizzati in automatico al nuovo indirizzo di quella pagina, di quel contenuto web. Ciò dovrebbe valere sia per l’utente che per il robots di Google e degli altri motori di ricerca.

Per l’utente sarebbe possibile implementare un redirect tramite javascript, questo redirect verrebbe però ignorato dai motori di ricerca.

Molti dei redirect possono invece essere impostati sui server Apache.

Questa soluzione richiede la presenza del modulo “mod_rewrite” e l’accesso al file .htaccess

Una risorsa da poter consultare per i redirect tramite htaccess è la seguente: http://www.htaccessredirect.net/

Redirect 301 tramite htaccess

Il codice sottostante include un esempio di 301 con reindirizzamento da vecchiapagina.html a nuovapagina.html

Il codice riporta anche diverse pagine ad hoc in caso dei principali errori di stato che a seguire vengono riportati:
400 Bad Request – La richiesta non può essere soddisfatta a causa di errori di sintassi.

401 Unauthorized – Avviene quando l’autenticazione è possibile ma è fallita e la risorsa è quindi non accessibile.

403 Forbidden – La richiesta è legittima ma il server si rifiuta di soddisfarla.

404 Not Found – La risorsa richiesta non è stata trovata (in futuro potrebbe essere disponibile).

500 Internal Server Error – Messaggio di errore generico del server.

<IfModule mod_rewrite.c>

RewriteEngine On
RewriteBase /

//301 Redirect Old File
Redirect 301 /vecchiapagina.html /nuovapagina.html

//Custom 400 errors
ErrorDocument 400 /pagina-errore-generico.html

//Custom 401 errors
ErrorDocument 401 /pagina-login-non-riuscita.html

//Custom 403 errors
ErrorDocument 403 /pagina-errore-permesso-generico.html

//Custom 404 errors
ErrorDocument 404 /pagina-non-trovata.html

//Custom 500 errors
ErrorDocument 500 /pagina-errore-server.html

</IfModule>

 

Il codice sottostante può essere invece utile per redirigere un sito che è cambiato solo a livello di nome dominio. GLi URL così come
sono vengono reindirizzati verso il nuovo dominio.

<IfModule mod_rewrite.c>
RewriteEngine On
RewriteRule ^/(.*)$ http://www.nuovodominio.it/$1 [R=301,L]
</IfModule>

301 in ASP

Il codice 301 in asp deve essere inserito all’inizio della pagina che deve reindirizzare ad altra:

<%@ Language=VBScript %>
<%
Response.Status=”301 Moved Permanently”
Response.AddHeader “Location”, “nuova-pagina.html”
%>

301 in ASP.NET – C#

private void Page_Load(object sender, System.EventArgs e)
{
Response.Status = “301 Moved Permanently”;
Response.AddHeader(“Location”,”nuova-pagina.html”);
}

301 in ASP.NET – VB

private Sub Page_Load(object sender, System.EventArgs e)
Response.Status = “301 Moved Permanently”;
Response.AddHeader(“Location”,”nuova-pagina.html”);
End Sub

301 in Coldfusion

<.cfheader statuscode=”301″ statustext=”Moved permanently”>
<.cfheader name=”Location” value=”nuova-pagina.html”>

301 in HTML

Quando la pagina non può eseguire codice dinamico (PHP, ASP ..) non rimane che utilizzare un meta tag refresh con relativo redirect. Si tratta del reindirizzamento meno favorevole per la SEO perchè il valore della pagina non viene passato e perchè il passaggio da un URL ad altro in Google è molto lento.

<META HTTP-EQUIV=Refresh CONTENT=”0; URL=nuova-pagina.html”>

301 in Perl

#!/usr/bin/perl -w
use strict;
print “Status: 301 Moved Permanantly\n”;
print “Location: nuova-pagina.html/\n\n”;
exit;

301 in PHP

<?
Header( “HTTP/1.1 301 Moved Permanently” );
Header( “Location: nuova-pagina.htmll” );
?>

Conclusioni …

Se pensi di rifare il tuo sito perchè obsoleto, ricordati che le pagine del tuo sito hanno comunque una storia ed un valore. Mappa gli URL del sito attuale prima di andare online con il nuovo e fai si che le vecchie pagine del sito vengano poi reindirizzate alle nuove pagine , nel miglior modo possibile.

Aiutando l’utente e Google aiuterai te stesso nell’avere un sito visibile e visitato.

Uno degli errori più grossi che si fanno nel web è quello di dimenticare il passato, lasciando pagine vecchie rispondere e arrivando poi a domandarsi perchè il nuovo sito abbia un tasso di rimbalzo più elevato anche se la grafica più che accattivante.

Lo strumento del reindirizzamento permanente degli URL è la chiave SEO per procedere, per dare continuità al passato e valore al presente e futuro del tuo sito internet.